• image: images/newsroom20/logosalone_condiv.png
    social title: Salone: aggiornamenti sulle date
    autori: Nicola Lagioia

     

    Il Salone Internazionale del Libro di Torino anche quest’anno sarà una grande occasione di incontro tra autori, editori e lettori.

    L’organizzazione sta lavorando on la passione di sempre all’edizione 2020, ma per poter continuare a essere un punto di riferimento di questa straordinaria comunità, il Salone del Libro deve prima di tutto garantire le condizioni di sicurezza e di salute del suo pubblico, dei suoi espositori e del personale che vi lavora.

    Per questo motivo, preso atto della situazione di emergenza – nazionale e internazionale – nella quale ci troviamo, e in accordo con le istituzioni e i partner che collaborano in maniera essenziale alla sua organizzazione, oltre che con Lingotto Fiere, il Salone del Libro di Torino ha valutato necessario e responsabile rimandare la manifestazione (originariamente in programma dal 14 al 18 maggio) a una data che verrà comunicata il più presto possibile.

    In concerto con le istituzioni, l’organizzazione continua a lavorare e a monitorare attentamente l’evolversi della situazione in attesa delle disposizioni che verranno varate dopo il 3 aprile 2020, a scadenza del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri attualmente in vigore. Le nuove date verranno annunciate non appena sarà possibile una valutazione esaustiva degli scenari futuri.

    In un momento di grande sacrificio da parte di tutti gli italiani, il Salone vuole esprimere la sua più sentita vicinanza a coloro che stanno vivendo in prima persona gli effetti dell’emergenza: i malati, i loro cari, così come tutto il personale sanitario e le istituzioni che lavorano senza sosta per la salute e la sicurezza di tutti.

    In un momento complicato come quello che tutto il paese sta vivendo, gli enti organizzatori del Salone Internazionale del Libro di Torino lavorano con regolarità per l’edizione 2020 prevista dal 14 al 18 maggio.

    Il Salone è in contatto costante con le istituzioni locali, e sta monitorando con attenzione l’attuale situazione, nel pieno rispetto delle ordinanze ministeriali e regionali in merito alla gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-2019.

    Al Salone del Libro, quest’anno, saranno due i focus internazionali, dedicati a due paesi caratterizzati da una capacità di innovazione costante, grandi laboratori culturali con una tradizione fondamentale: Irlanda e Canada. Grazie alla collaborazione con l’Ambasciata del Canada, la Delegazione del Québec a Roma e il Canada Council for the Arts, sarà possibile approfondire al Salone la cultura e la letteratura canadese, attraverso la viva voce dei suoi protagonisti, e scoprire un ricco e vivace paese che si distingue per un approccio moderno e innovativo. Con Literature Ireland, agenzia nazionale per la promozione della cultura irlandese nel mondo, e Ambasciata d’Irlanda, il Salone porterà a Torino scrittori e scrittrici dall’Isola di Smeraldo, patria di numi tutelari della letteratura come Oscar Wilde, James Joyce e Samuel Beckett, tuttora culla di talenti artistici straordinari. 

    Ma il Salone gira il mondo: va in Svizzera grazie a ProHelvetia, ALESI e Babel Festival di Bellinzona, stringe legami con la Japan Foundation di Roma e con l’Ambasciata di Israele in Italia, rinnova il suo legame con FILL - Festival of Italian Literature in London, con l’Institut français e con il Goethe-Institut per garantire la presenza a Torino di scrittori e scrittrici internazionali. Nei giorni della fiera, infatti, sono attesi anche i finalisti del Premio Strega Europeo.

    La collaborazione con la Frankfurter Buchmesse si rinnova nel 2020 per la quarta volta consecutiva. Grazie al Goethe-Institut, il meglio della cultura tedesca sbarcherà in città insieme a una delegazione di editori e agenti. Una novità importante: il Salone siederà al tavolo tecnico di Francoforte2023, anno in cui l’Italia sarà il paese ospite alla Fiera di Francoforte. Il Salone del Libro sarà uno dei partner che collaboreranno con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e il ministro Dario Franceschini. 

    La Campania, regione che alla cultura riserva un posto d’onore, sarà ospite del Salone Internazionale del Libro nel 2020, straordinario risultato di un quinquennio di politica culturale regionale che ha tentato, in nome dell'inclusione, del rispetto della totalità della propria ricchezza artistica, del lavoro per i giovani, di fare della cultura il collante fondamentale e il volano insostituibile per la valorizzazione e la promozione del proprio territorio.

    Proprio in Campania è conservata una delle più importanti raccolte archivistiche, testimonianza concreta dell'interesse antico verso la “cultura del libro”, che in continuità con il passato fa oggi di quel territorio una fucina di idee in continua evoluzione: case editrici dalla tradizione decennale, aziende emergenti dal taglio giovane e dinamico, alimentano un mondo tutto da scoprire.

    Tra le tante iniziative spicca NapoliCittàLibro, con cui la regione intende promuovere, incentivare e sviluppare la lettura non solo in Campania, ma in tutto il Sud Italia. Nei giorni della fiera, il Salone ospiterà lo stand dedicato, ricco di incontri per approfondire autori e temi cari a una regione dalla tradizione culturale antica e ricchissima.

    Al Salone del Libro sono attesi autori e autrici che – attraverso romanzi, saggi, inchieste, drammi o poesie – indagano il posto della nostra specie nel mondo, analizzano la società di oggi e l’attuale sistema economico. Ma non solo: a Torino nei giorni di maggio ci saranno artisti capaci di mettere in musica i sentimenti del presente e ancora, un’esposizione multimediale e interdisciplinare sarà allestita con e alle OGR – Officine Grandi Riparazioni per approfondire il tema dell’edizione. Perché se non provano i libri a immaginare il futuro e a narrare le mutazioni, chi può farlo? 


     Annie Ernaux

    annie ernaux salto20


    Nata a Lillebonne nel 1940, Annie Ernaux è una delle voci più autorevoli del panorama culturale francese, studiata e pubblicata in tutto il mondo. Dopo Gli anni, vincitore del Premio Strega Europeo 2016, ha scritto L’altra figlia, Memoria di ragazza, Il posto e l’ultimo L’evento, tutti editi in Italia da L’Orma Editore. La scrittrice arriverà al Salone grazie alla collaborazione con Emilia Romagna Teatro Fondazione (ERT).


     Edna O'Brien

    edna o brien salto20


    Scrittrice di culto, icona ribelle degli Anni Sessanta e autorevole decana di oggi, ha scritto romanzi, saggi, testi teatrali e raccolte di racconti famosi in tutto il mondo. Per Einaudi ha pubblicato Oggetto d'amore (2016), antologia dei suoi migliori racconti, Tante piccole sedie rosse (2017 e 2018), Un feroce dicembre (2018 e 2019) e Uno splendido isolamento (2019).


    Gabrielle Filteau-Chiba

    gabrielle filteau chiba


    Dal Canada arriverà a Torino una scrittrice che dalla sua casa alimentata a energia solare sulla riva del fiume Kamouraska, in Québec, scrive, traduce e difende la bellezza naturale della sua regione adottiva. Il suo primo romanzo è il promettente Nella tana (Lindau), affascinante viaggio nelle profondità della natura e di se stessi alla ricerca di un senso lontano dalla civiltà.


    Thomas Piketty

    thomas piketty


    Rockstar dell’economia, autore di testi caposaldo della riflessione contemporanea, nel suo nuovo libro, Capitale e ideologia (La nave di Teseo), ci sfida a rivoluzionare il modo in cui pensiamo la società, la politica, il nostro futuro. Piketty sarà al Salone grazie a una collaborazione con la Fondazione Collegio Carlo Alberto.


    Pat Metheny

    pat metheny


    Leggenda del jazz, sarà al Salone e in concerto all’Auditorium Gianni Agnelli grazie a Ponderosa Music & Art giovedì 14 maggio, tappa del tour Side Eye. Nel suo stile inconfondibile si fondono una sensibilità ritmica e armonica molto avanzata e un modo di improvvisare moderno, ma anche profondamente radicato nella tradizione della melodia jazz, swing e blues.

    A proposito di musica: avremo anche la musica classica!
    Mercoledì 13 maggio infatti la sezione giovanile della Nuova Orchestra Scarlatti, diretta dal maestro Gaetano Russo, sarà a Torino per inaugurare in musica i cinque giorni di Salone nell’evento che sancisce l’inizio dell’edizione con la Campania Regione ospite.


    Francesco Bianconi

    francesco bianconi salto20


    Il cantautore e scrittore, frontman dei Baustelle, presenterà il suo nuovo disco solista, che contiene brani inediti e ospita artisti internazionali, ma non solo, l’artista si racconterà al Salone prima di chiudere la fiera alle OGR - Officine Grandi Riparazioni lunedì 18 maggio (prevendite su ogrtorino.it e in biglietteria OGR senza costi di prevendita), in un live proposto da OGR e prodotto da Ponderosa Music & Arts.

    Il Salone comincia prima di maggio con 4 speciali anteprime. Un po’ come i singoli che anticipano un disco, ecco 4 incontri con autori e autrici internazionali per cominciare a calarci nell’atmosfera del Salone già da marzo. 


    Simon Sellars

    ballardismo applicato sellaris not

    Circolo dei Lettori \ lunedì 9 marzo 2020 \ ore 18.00

    Ballardiani di tutto il mondo, abbiamo pane per i vostri denti! La prima tappa di avvicinamento al #SalTo20 è con Simon Sellars, editor e scrittore, fondatore del sito ballardian.com, autore di Ballardismo applicato (Nero Editions) capolavoro di theory fiction a cavallo tra memoir e letteratura di viaggio, teoria critica e narrativa speculativa. Ne parlerà con Francesco Guglieri, scrittore e editor della narrativa straniera e della narrative non-fiction italiana e straniera di Einaudi.


    Ben Lerner

    Lerner Topeka school

    Scuola Holden \ lunedì 16 marzo 2020 \ ore 19.00

    Ben Lerner è nato a Topeka, Kansas, nel 1979, e attualmente insegna letteratura inglese al Brooklyn College. Ha pubblicato tre raccolte di poesie che si sono aggiudicate riconoscimenti come il Preis der Stadt Münster für Internationale Poesie in Germania e la candidatura per il National Book Award. Il suo primo romanzo, Un uomo di passaggio (Neri Pozza), lo ha lanciato nella narrativa e ha ottenuto nel 2012 il Believer Book Award. Nel 2014 è uscito il suo acclamato secondo romanzo, Nel mondo a venire (Sellerio). Nel 2015 ha vinto il prestigioso MacArthur «Genius» Grant. Il 16 marzo presenterà il suo ultimo romanzo, Topeka School (Sellerio), racconto di adolescenza e trasgressione che diventa diagnosi delle condizioni che hanno permesso l’ascesa dei tiranni e dei troll della Nuova Destra.


    Judith Schalansky

    Schalansky Inventario

    Circolo dei Lettori \ mercoledì 15 aprile 2020 \ ore 18.30

    Dopo averci portati in giro per il mondo alla scoperta delle storie di lembi di terra dimenticati con il suo Atlante delle isole remote (Bompiani), con il suo nuovo libro Inventario di alcune cose perdute (nottetempo), Judith Schalansky ricrea, attraverso pochi frammenti, mondi del passato, ingaggia una lotta con l’oblio per salvare una tigre, lo scheletro di un unicorno, i versi di Saffo, un’isola sommersa, un’enciclopedia e altri oggetti meravigliosi. Schalansky dialogherà con Cristiano De Majo, caporedattore di «Rivista Studio».


    Miles Hyman

    hyman lotteria

    Scuola Holden \ lunedì 23 marzo 2020 \ ore 19.00

    La lotteria (Adelphi) è il racconto da cui è nata la leggenda di Shirley Jackson. Il testo più letto nella lunga e gloriosa storia del «New Yorker» e il racconto che ha inaugurato una stagione nuova del gotico americano adesso è diventato un graphic novel disegnato da Miles Hyman, che lo presenterà lunedì 23 marzo, alle 19, alla Scuola Holden.


    Il Grand Tour

    Ma non solo: tra aprile e maggio il Salone ripartirà per il Grand Tour che vede protagonisti il direttore Nicola Lagioia e Marco Pautasso, un viaggio letterario che si snoderà tra istituzioni, librerie, biblioteche civiche torinesi e dell'area metropolitana, ma anche in Regione e fuori Regione. Novità di quest’anno, un appuntamento pensato per gli studenti universitari torinesi, al Campus Einaudi. Promosso dal Salone del Libro e dalla Fondazione Circolo dei lettori, il Grand Tour è frutto della virtuosa collaborazione tra i tanti soggetti che operano in sinergia per promuovere il libro e la lettura: COLTI – Consorzio dei Librai Torinesi Indipendenti, Biblioteche Civiche Torinesi, SBAM – Sistema Bibliotecario dell’Area Metropolitana di Torino, Associazione Abbonamento Musei Piemonte e Università degli Studi di Torino.

    Spesso al Salone si è lavorato (e si lavora ancora) sulle ali dell’entusiasmo: quando ci si appassiona, ci lanciamo a capofitto in nuovi progetti. Abbiamo l’ambizione di poter offrire a ogni lettore uno spazio in cui sentirsi a casa, in cui trovare esattamente quello che cerca (e quello che ancora non sapeva di voler trovare). Per questo, negli anni, oltre alla programmazione più tradizionale abbiamo sviluppato aree e progetti capaci di raccontare mondi un po’ diversi da quelli che già conoscevamo. 

    Da quest’anno abbiamo deciso di fare un po’ di ordine, cominciando con il dare un nome comune a tutti i progetti speciali che abbiamo avviato in questi anni. Ci serviva un modo semplice, breve e contemporaneo per dire Salone. Un po’ come il Museum of Modern Art, che tutti conosciamo anche come MoMa. SalTo il nostro hashtag è diventato il nostro nome “guida”. Tutti lo usano sui social network. 

    Dice Salone Internazionale del Libro di Torino in modo breve, simpatico, univoco.

    Salto è anche il nome di un gesto che ogni anno tutta la macchina organizzativa del Salone compie per arrivare all’evento. Ultimo, ma non meno importante, Salto porta con se anche la targa TO, che esprime in modo inequivocabile il nostro essere torinesi. E a questa città il Salone deve molto, lo sappiamo. 

    E quindi, dal 14 al 18 maggio, per i corridoi del Lingotto Fiere sarà tutto un grande SalTo a guidarci nei progetti del Salone. Più precisamente:

    SalTo Diventi

    Quello che era nato come Spazio Ragazzi, oggi è la casa della sperimentazione e della contaminazione dei linguaggi, della scoperta, di chi al Salone diventa (o è diventato) grande. Una cosa però rimane uguale: l’insostituibile sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo. 

    SalTo Comics e Games

    Nell'area ex Read' n' Play, ci saranno case editrici di fumetti e di giochi da tavolo. Cambia il nome, anche grazie alla collaborazione con Lucca Comics & Games, che da tre anni è partner culturale non solo dell’area, ma di tutto il Salone.

    SalTo Festival

    Già Superfestival, questo è lo spazio che continuerà a essere il luogo per conoscere i migliori festival di tutt’Italia e i loro ospiti.

    SalTo Nuovi Editori 

    Il progetto dedicato alle startup editoriali nate da meno di 24 mesi, sviluppato in collaborazione con l’AIE.

    SalTo Rights Center

    Quello che per 19 anni è stato l’IBF diventa SalTo Rights Centre. L’appuntamento per lo scambio dei diritti torna al Centro Congressi con una formula rinnovata: un nuovo sistema di prenotazione dei tavoli e l’ottimizzazione delle agende di appuntamenti, per offrire agli addetti ai lavori reali opportunità di business. 

    SalTo Gastronomica

    In collaborazione con Slow Food Editore, torna lo spazio per parlare e leggere di cibo, che riunisce editori specializzati in letteratura gastronomica. 

    SalTo Pro

    Questo il nuovo nome dell’area professionale, che occuperà il Padiglione 3 del Lingotto, e che ospiterà come sempre gli appuntamenti dedicati al comparto editoriale, per favorire incontri b2b tra espositori e aziende che offrono servizi all’editoria.